lunedì 29 giugno 2020

Servizio di igiene urbana, dal primo luglio si volta pagina

Sindaco avv. Pasquale Rizzo
    San Pietro Vernotico. Finisce la ventennale era Monteco nella gestione del servizio di igiene urbana. A darne notizia in questi termini è il primo cittadino, l’avv. Pasquale Rizzo, che con una nota riferisce come l’ufficio ambiente del Comune  abbia  avviato d’urgenza l’esecuzione del contratto a partire da mercoledì 1 luglio  alla “Impregico Srl,” risultata aggiudicataria a seguito della gara espletata dalla Provincia di Brindisi”. Il sindaco Rizzo riferisce anche di un ricorso, da parte di una società esclusa, per cui "alcuni dei nuovi servizi saranno avviati con gradualità”.
 “E’, però, importante – scrive l’avv. Rizzo-voltare pagina. Si andrà a regime entro 60 giorni”. 
 Il sindaco, pertanto, confida apertamente in un “maggiore  e più consapevole  livello di attenzione da parte di tutti". 
"La differenziata- scrive Rizzo- deve divenire un modello da seguire in maniera puntuale. Al nuovo gestore ai dipendenti ed ai cittadini chiediamo il massimo della collaborazione, nonostante le fisiologiche e  difficoltà proprie dell’avvio della nuova gestione.” 
Previsto l'avvio i un provvedimento, con il quale sarà anticipato il nuovo regolamento del servizio. "E chi non rispetterà  le modalità di conferimento sarà multato- assicura il primo cittadino”. Che spiega, infatti, come, ad esempio, le foto trappole stiano già dando i primi riscontri. "C’è chi è già stato  sanzionato per abbandono di rifiuti"- riferisce il sindaco Rizzo-.  
 La ventennale era Monteco.  L’avv. Rizzo spiega  come  il Comune abbia onorato i suoi impegni con la ditta.  E quest'ultima, sino ad un certo periodo di tempo, ha fornito servizi in linea con quanto appaltato.  “Dispiace, però, lamenta l’avv. Rizzo- aver verificato in determinati momenti storici un mutato atteggiamento.   Rizzo denuncia una sorta di “anarchia gestionale” da parte di alcuni dipendenti, trasformata in inaccettabili disservizi per i cittadini”.
 Così nell’annunciare i cambio di gestione del servizio di igiene urbana  il sindaco Rizzo riferisce  di una “prima sentenza contro Monteco, che per un periodo medio di 15 anni (dal 2002 ) ha trattenuto, nel silenzio di dirigenti ed amministratori qualcosa come  1milione e 400mila euro  di soldi dei cittadini . E che sta per essere avviata altra azione per ottenere il ristoro dei servizi non resi ne periodo 2013-2018 per un altro milione di euro circa.
  Dall’informativa alla denuncia. L’avv. Rizzo riferisce di commercianti esasperati per bidoni carrellati pieni di vetro non svuotati, del servizio di raccolta della carta da settimane non reso all’Istituto Valzani, di aziende, o intere area abitate dimenticate, di Campo di Mare non  servita per tutto l’anno come da capitolato d’appalto. E di cittadini, che per il ritiro dei rifiuti ingombranti lamentano di avere ricevuto  appuntamenti al 10 agosto prossimo.   “Pur sapendo- scrive Rizzo- che Monteco è consapevole del fatto  che dal 1 luglio non effettuerà più il servizio e che così facendo esaspera ed indispettisce  gli animi dei cittadini”.
“Le date per il ritiro deli ingombranti saranno comunicate dalla nuova ditta, la quale- assiura il sindaco Rizzo- nel  convincimento, che entro domani riceverà da Monteco  gli elenchi di chi ha già prenotato, provvederà a contattare gli utenti  interessati”.
“Siamo convinti, che sia dovere di ogni amministratore della cosa pubblica difendere – spiega il primo cittadino Rizzo-i diritti della Comunità, mettendo in conto anche i disservizi”.