lunedì 8 luglio 2019

La nota dell'amministrazione comunale in riferimento ai disagi e polemiche lamentati sulle marine


  Torchiarolo. Cantieri aperti e disagi. Da Torre San Gennaro a Marina di Lindinuso l’estate è come sempre nel segno delle polemiche. Quest’anno ancora di più per via dei disagi “per lavori in corso” del progetto di riqualificazione della costa. Dai villeggianti arrivano soluzioni e suggerimenti personalizzati, che spesso non tengono conto, però, di cos’è la burocrazia. Salvo poi scoprirlo a seguito di un sereno e civile confronto con gli amministratori comunali. Tutti gli altri si limitano invece a fare “i leoni della tastiera” ed a minacciare sui social denunce, chiusre di esercizi commerciali e richieste risarcimenti danni. Da qui il comunicato a firma dell’amministrazione comunale che “attese le critiche ricevute, per tratti anche offensive e diffamatorie ha sentito il dovere di assicurare alla cittadinanza costante spirito di servizio e impegno, nonostante le difficoltà, per la stragrande maggioranza, non riconducibili al nostro operato”.

  Benché “giovani e sprovveduti, con grande spirito di sacrificio, di umiltà e di dedizione ci adoperiamo instancabilmente per il rilancio del territorio- prosegue la nota degli amministratori comunali. Che spiegano come i “lavori di riqualificazione, oggi oggetto di disagi e lamentele per il cambiamento radicale, che stanno portando, inizino comunque  già a regalare un nuovo volto alla costa e un nuovo modo di viverla".
  "I cambiamenti, com’è noto, comportano anche sacrifici e rinunce per poi produrre successivamente innegabili vantaggi in termini di fruibilità e turismo”- aggiungono gli amministratori comunali-. Che.
pertanto, ingrazia pubblicamente tutti coloro, che “alle sterili polemiche antepongono l’educazione ed il buonsenso, e quanti che con consigli e segnalazioni pongono in essere un confronto costruttivo, comprendendo bene, che  il benessere collettivo debba prevalere sull’interesse personale”.
“Ci preme altresì sottolineare- conclude la nota dell’amministrazione comunale- che il nostro operato non è, e non sarà mai, subordinato a sollecitazioni, o minacce di azioni legali, poiché prosegue sempre, a prescindere, nel rispetto della legge e degli iter burocratici previsti dalle normative di riferimento”.