martedì 4 giugno 2019

Bufera giudiziaria sul Comune: la posizione del Pd sampietrano

San Pietro Vernotico. La notizia degli arresti dell'attuale Sindaco Pasquale Rizzo, dell'ex Sindaco Maurizio Renna e le indagini a carico di molti altri soggetti non possono che generare in noi profonda inquietudine per
l'importanza della vicenda e dei reati contestati dagli inquirenti.
Esprimiamo massima fiducia nella magistratura e ci auguriamo che sia fatta luce in tempi brevissimi su tutte le vicende emerse, affinché si possa attribuire la giusta dimensione a quanto accaduto.
È davvero drammatico, infatti, immaginare, come lascia trapelare il comunicato della Procura, che per moltissimi anni il nostro Comune e la società mista di Fiscalità locale siano stati teatro di una cattiva gestione così acuta e profonda da non risparmiare nemmeno amministrazioni di segno avverso. Incapacità? Dolo? Leggerezza?
Saranno i giudici ad individuare le responsabilità che, qualora dovessero accertarsi, sono e restano personali. La responsabilità politica, invece, riguarda molti ed in particolar modo tutti coloro che, da ogni parte, non hanno avuto la forza e la determinazione, negli anni, di prendere le distanze per tempo da un certo modo di operare. 
All'attuale Sindaco, va anche imputata la responsabilità, con la scelta di candidarsi un anno fa, di aver trascinato San Pietro Vernotico dentro una vicenda giudiziaria che avrebbe, invece, dovuto e potuto riguardare solo lui, già indagato all'atto della sua candidatura. Nel rinnovare nei suoi confronti, così come di tutti gli altri indagati, l'auspicio che possano dimostrare quanto prima la loro innocenza per restituire serenità ad una comunità smarrita ed incredula, gli chiediamo un gesto di generosità nei confronti dei Sampietrani e ne invochiamo le dimissioni al fine di consentire subito al nostro Comune ed alla nostra comunità di reagire senza subire, più dello stretto necessario, l'impatto dell'accaduto