venerdì 1 giugno 2018

Sert, locali inagibili e chiusi

Cellino San Marco. Accertate dai carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Taranto carenze igienico sanitarie e di natura strutturali nei locali adibiti al Servizio Tossicodipendenze dell'Azienda Sanitaria Locale di Brindisi. Il sindaco, Salvatore De Luca, ne ha, pertanto, decretato l’inagibilità ed il divieto di utilizzo.
 In particolare è stata rilevata dai carabinieri: l’ossidazione del ferro delle armature dei travetti in calcestruzzo; numerosi rigonfiamenti dell’intonaco nei servizi igienici ed in vaste superfici delle pareti; nel solaio sono stati rilevati rigonfiamenti dell’intonaco e la presenza di umidità ascendente in tutti gli ambienti. 
La struttura è di proprietà del comune  di Cellino San Marco affidata in comodato gratuito all’ASL di Brindisi. Le prestazioni del Servizio Tossicodipendenze sono state dirottate presso altra idonea sede individuata dall'ASL. Il valore dell'infrastruttura ammonta a circa 700mila euro.