sabato 14 aprile 2018

Flash mob di Casapound per protesta contro al chiusura del "Melli"

 Flash mob di Casapound  questa mattina davanti all’ingresso dell’ormai ex ospedale “Melli”, a San Pietro Vernotico, per protestare  contro le politiche regionali di rientro dei costi della sanità.  “Che in provincia di Brindisi – recita un comunicato -rischiano di aggravare una situazione già difficile”.
"Tagli alla sanità, muore la salute", c’era scritto su uno striscione esposto davanti all’ex presidio ospedaliero sampietrano, per un breve tempo presidiato da militanti del Movimento e cittadini.
“Il Melli è un ospedale ormai in dismissione, nel quale l’imminente chiusura del reparto di medicina generale - si legge in una nota diffusa dal Movimento -rappresenta al meglio quanto sia grave la scelleratezza del piano di rientro posto in atto dall’amministrazione regionale".
“È impensabile- prosegue il comunicato- concentrare su soli tre poli, di cui uno prossimamente depotenziato, tutta la gestione delle emergenze. I reparti principali, con il “Perrino” e “Camberlingo” al collasso, non sono adeguati alla mole d’utenza, che giorno per giorno vi fa riferimento. Chiediamo, pertanto, una revisione dei tagli previsti dal piano di rientro regionale - conclude la nota del Movimento- assieme ad un adeguamento della ripartizione di strutture e competenze soprattutto per quanto riguarda la gestione di primo soccorso ed emergenze”. 
  “La linea intrapresa dall’amministrazione Emiliano, coerente con la precedente, non è assolutamente accettabile e ci batteremo fino all’ultimo affinché si faccia un passo indietro"- conclude il comunicato di Casapound-.