mercoledì 25 aprile 2018

Carabinieri, denunce per guida in stato alterzione psicofisica, a gestori di sale scommesse ed un fucile ritrovato in campagna

 I Carabinieri di San Donaci hanno deferito in stato di libertà, per "rifiuto dell’accertamento in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti", L.Y.M. 21 di Oria, e segnalato all'Autorità Amministrativa il passeggero, un 20enne, per detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti. 
 Nel corso della notte i militari hanno intimato l'alt al veicolo condotto da L.Y.M. e durante il controllo, dal finestrino lato guida i carabinieri hanno percepito un forte odore di sostanza stupefacente, tanto da indurli a chiedere al conducente se avesse "fumato". Il giovane, nel tentativo di "coprire" i suoi due amici passeggeri, ha inizialmente ammesso di aver fumato poco prima uno spinello e che lui ed i suoi amici non avevano altra sostanza stupefacente. 
 Vista l'agitazione manifestata dai ragazzi all'atto del controllo, i militari hanno, comunque, eseguito una perquisizione personale e veicolare. E così sotto il sedile del passeggero  hanno rinvenuto un contenitore metallico contenente 5 grammi di hashish ed uno spinello già consumato. Il 20enne che occupava il sedile anteriore ha ammesso la paternità della sostanza ed è stato segnalato alla competente autorità amministrativa. Il conducente del mezzo, con evidenti sintomi da stato di alterazione psico-fisica, a specifica richiesta, ha rifiutato di sottoporsi agli accertamenti sanitari per verificare l'eventuale assunzione di sostanze stupefacenti. E pertanto gli è stata ritirata la patente di guida mentre la droga rinvenuta è stata sequestrata. Il veicolo è stato, invece, affidato ad altra persona munita di regolare titolo di guida.
 A San Pancrazio Salentino i carabinieri hanno, invece, segnalato alla competente Autorità Amministrativa quattro gestori di altrettante sale scommesse e circoli privati ubicati ad una distanza inferiore ai 500 metri dai luoghi sensibili e, pertanto, in contrasto a quanto previsto dalla normativa regionale. Hanno altresì richiesto la contestuale revoca del titolo autorizzativo. In particolare nei confronti di tre
gestori è stata anche elevata una sanzione amministrativa pari a 3mila e 333 euro ciascuno.
A Tuturano, infine, i carabinieri nel corso di un servizio di perlustrazione nelle aree rurali hanno rinvenuto, in contrada San Paolo, un fucile da caccia doppietta, marca Beretta calibro 16, in cattivo stato di conservazione e, pertanto, inefficiente. Il calcio dell'arma si intravedeva appena tra i rovi di un terreno incolto privo di recinzione. Il fucile è stato sottoposto a sequestro, mentre sono ora in corso accertamenti per stabilirne la provenienza.