mercoledì 30 novembre 2016

Rizzo: "Sindaco e maggioranza hanno votato, senza rendersene conto, una sfiducia di fatto al primo cittadino"

 Il segretario comunale non rende un parere richiesto, ed obbligatorio, su una questione incidentale e sospensiva; il presidente del consiglio comunale supera il problema del mancato invio della pec di convocazione alla dr.ssa Giuliana Giannone, consigliera comunale, con un laconico “peggio per lei”: è successo tutto questo nel consiglio comunale di San Pietro Vernotico. A denunciarlo è l’ex sindaco, l’avv. Pasquale Rizzo, che aggiunge come “il fatto più bello, ridicolo, ed al contempo allarmante, sia stato, che tutti i consiglieri di maggioranza, abbiano poi votato, senza rendersene conto, una sorta di sfiducia al sindaco, con conseguenti possibili azioni giudiziarie nei suoi confronti”.
  Spiega l’avv. Rizzo: “Il Revisore dei Conti ha evidenziato, tra le tante criticità e situazioni disastrose,  come “non risultino documentate agli atti le azioni a tutela dell’Ente intraprese dal socio di maggioranza in seno alla assemblea dei soci di Fiscalità locale.”
In altre parole il socio di maggioranza, ovvero il sindaco Maurizio Renna, (rappresenta il Comune di San Pietro Vernotico nella assemblea dei soci, mentre quelli di minoranza, la Censum è fallita e la Maggioli da tempo se n’è disinteressa, n.d.r.) avrebbe certificato, nell’agosto del 2015 “un bilancio di Fiscalità locale, che da passivo registrava un utile, con l’iscrizione di poste attive, che il sindaco sostiene di aver riscontrato”.
Nell’ultima seduta del consiglio comunale i consiglieri di maggioranza (Solazzo, Pecoraro, Di Taranto, Argentieri, Esposito, Giordano, Monteduro, Marra, Bracciale, Carella, Marangio) e lo stesso primo cittadino hanno, invece, chiesto al legale del Comune, l’avv. Guido Massari,  “una relazione sullo stato delle azioni intraprese a tutela dell’Ente, sullo stato giuridico della società, e sulle possibili ulteriori azioni da attivare a tutela dell’Ente”.
  “Come se Fiscalità locale fosse- sottolinea l’avv. Rizzo-  un soggetto estraneo, e non una società partecipata dal Comune, per conto della quale il socio di maggioranza, ovvero il sindaco, in assemblea non avesse già deliberato in merito alla situazione finanziaria della compartecipata”.
  L’avv. Rizzo, pertanto, definisce la situazione così venutasi a creare “ridicola, pittoresca, pericolosa, dannosa e persino demenziale”.
  “Dubito, che qualcuno diverso dall’assessore Lucia Argentieri, (il sindaco Rennna le ha revocato la delega alla firma n.d.r.) abbia capito o letto il contenuto di quanto è stato deliberato in consiglio comunale”- scrive l’avv. Rizzo-. Che conclude come "le sorti di San Pietro Vernotico, purtroppo ,
siano capitante in mano a personaggi di questo spessore”.

Missione compiuta. Consegnati al Comune di Tolentino gli aiuti raccolti a San Pietro e Torchiarolo


Missione compiuta. L’associazione volontari della Protezione civile di Torchiarolo e la Polizia Locale hanno consegnato al Comune di Tolentino, in provincia di Macerata, gli aiuti, (vestiario, generi alimentari, anche senza glutine per celiaci e giocattoli), raccolti dai cittadini di Torchiarolo e San Pietro Vernotico appositamente per le popolazioni colpite dal terremoto, nell'ambito delle quali c'è una folta rappresentanza di loro concittadini.


   E' stata questa comunità a chiedere esplicitamente aiuto. E la macchina dei soccorsi si è messa subito in moto. Un automezzo della Protezione civile ed un'auto della Polizia locale, con  il vice sindaco Maurizio Nicolardi ed il comandante Lorenzo Renna, è giunta questa mattina a destinazione.  Il gruppo è stato accolto dal giovane presidente del Consiglio comunale di Tolentino, Francesco Golosi.  che ha ringraziato le nostre comunità. Gli aiuti sono stati consegnati in parte a Tolentino ed il resto a Villa di Montalto, una piccola frazione con qualche centinaio di abitanti, già in fase di emergenza per  carenza di viveri e vestiario.
  "Una cosa è vedere l'emergenza terremoto raccontata dai media, altra è toccare con mano la sofferenza ed il dramma, che quelle comunità stanno vivendo da mesi"- racconta il vice sindaco Nicolardi-. Il quale mette le mani in avanti e spiega: "Il merito di questa missione è soprattutto della generosità dei nostri concittadini e dei sampietrani, che hanno tempestivamente e concretamente risposto all'appello che ci era giunto da Tolentino".
 " Noi aggiunge - Nicolardi- ci siamo solo fatto carico di consegnare il tutto a destinazione".
  La carovana degli aiuti partita da Torchiarolo  è rientrata portandosi negli occhi le immagini, che non si possono facilmente relegare nei ricordi: la sofferenza e la stanchezza sul volto di chi da tanti giorni è impegnata a preparare da sola colazione, pranzo e cena per tantissime persone; il vecchietto, che con i tronchi d'albero ha allestito il suo presepe, per non lasciarsi prendere dal vuoto delle ore e dei giorni senza poter fare altro; il capannone adibito a dormitorio per oltre 200 persone di diverse estrazioni  per cultura e tradizioni. 
  "Perchè  il terremoto è un dramma, che davvero non concede eccezioni"- commenta il vicesindaco Nicolardi-.   

Domani cerimonia di insediamento del dott. Mascipinto, nuovo Questore di Brindisi

dott. Maurizio Masciopinto
  Nella sede della Questura di Brindisi si svolgerà, domani, 1 dicembre, alle 9, la cerimonia d’insediamento del nuovo Questore, il dott. Maurizio Masciopinto, che subentra al dott. Roberto Gentile, il quale lascia l’incarico per raggiunti limiti d’età.
  Nel corso della cerimonia sarà deposta una corona d’alloro ai piedi del Monumento ai caduti, nel cortile della Questura, alla presenza di una rappresentanza del personale della Polizia di Stato, delle specialità della Provincia e delle Anps (Associazione Nazionale Polizia di Stato).

"Dental Awarenes" nel sud del Libano con il contingente italiano

 I caschi blu italiani nelle scuole primarie del sud del Libano per promuovere la prevenzione dentaria. Personale in divisa qualificato ha svolto in collaborazione con le strutture scolastiche del luogo un’intensa attività di informazione sull’importanza dell'igiene dentaria.
  Al termine di ogni lezione sono stati distribuiti agli alunni dei kit per la pulizia orale.
 Alla scuola “Jbal Amel” a Buj Ash Shamal ed alla scuola pubblica nella municipalità di Majdal Zun, inoltre, sono stati donati arredi e pavimentazione, mentre all’asilo comunale sono stati consegnati dei giochi.
 Tutte queste attività sono state possibili grazie al materiale donato al Contingente italiano dall’Associazione internazionale Regina Elena Onlus, oltre che ai progetti sviluppati dalla cellula di cooperazione civile-militare del Sector West di Unifil.
Italbatt, il reparto che nel Paese dei cedri ha condotto l'operazione "Dental Awarenes" è affidato al Quarto reggimento “Genova Cavalleria”  al comando del colonnello Angelo Di Domenico, che si avvale anche degli assetti del Quinto reggimento “Lancieri di Novara” e del 132° reggimento artiglieria” Ariete”.
Attualmente la missione italiana in Libano è a guida Brigata di cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, nella quale militano significative quote di soldati e soldatesse salentine.

L'appello di una mamma, "prima delle divise, ai nostri ragazzi occorre assicurare ambienti scolastici riscaldati"

scuola media don Minzoni
   “La  dirigente scolastica e il consiglio d’Istituto tutto si sono spesi in riunioni e delibere già da luglio per obbligare gli studenti ad indossare la divisa scolastica, che fa tanto college americano. Invece a fine novembre noi genitori scopriamo che la caldaia per il riscaldamento ha seri problemi, ed al momento non ci sono garanzie affinchè i nostri figli in questi mesi d’inverno a scuola non soffriranno il freddo”. 
  Il messaggio arrivato a chiazzarande.it è firmato da una mamma di un’alunna della scuola media. Che aggiunge: “Intanto in merito a questo aspetto in municipio tutto tace”. 
Nel ringraziare il blog che “sta evidenziando le difficoltà dei genitori, la mamma chiede, pertanto, un interessamento a livello giornalistico su quello che definisce “un problema serio”, come può esserlo, appunto, quello del mancato riscaldamento a scuola.
  Non c’è voluto molto per sapere che oltre alla media Dante Alighieri a San Pietro Vernotico c’è anche la elementare De Gasperi al freddo. Quello che non si riesce di sapere è la natura del problema, che viene addebitato, infatti, ad una generica vecchiaia degli impianti.
scuola elementare De Gasperi
  Per sua scelta l’amministrazione comunale di San Pietro non intende rapportarsi con Chiazza Rande. Fonti attendibili vicino alle strutture scolastiche riferiscono, però, che per quanto attiene alla scuola media Dante Aligheri, il problema potrebbe essere aggirato con una presunta “prossima attivazione” della don Minzoni, l’edificio scolastico attualmente in fase di ristrutturazione. Una volta avuta la disponibilità di queste aule gli studenti dovrebbero trasferirsi in blocco.
  Il problema è nei tempi di consegna e collaudo dei lavori. Sino ad allora, a quanto pare, ci sarà poco da fare.
  Per quanto attiene la elementare De Gasperi, invece, soluzioni radicali nel tempo non se ne intravedono. Tutto quello che sarà possibile fare, a quanto pare, sono solo interventi tampone.
  Appartiene al passato, ormai, la certezza di una San Pietro Vernotico all’avanguardia in tutto il Salento per quanto attiene la quantità e la qualità delle strutture scolastiche. Alcuni edifici sono stati riconvertiti, altri sono stati accorpati ad altre direzioni scolastiche, fuori paese, altri ancora hanno necessità di urgenti interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza, come appunto la Dante Alighieri e la De Gasperi.

Palpeggiava le studentesse. Arrestato ed affidato ad una comunità terapeutica. A Oria giovane in carcere

Palpeggiava le studentesse davanti alle scuole. Arrestato è stato affidato ad una comunità terapeutica. E’ quanto ha disposto nei confronti di un 19enne di Francavilla Fontana il gip presso il Tribunale di Brindisi a seguito dei riscontro effettuati dai carabinieri della locale compagnia, che già lo scorso mese di aprile lo avevano arrestato in flagranza di reato.
L’accusa nei confronti del giovane è di violenza sessuale aggravata e continuata. Dovrà restare in comunità sino a quando non sarà più considerato socialmente pericoloso.

martedì 29 novembre 2016

Da Torchiarolo aiuti per i terremotati di Tolentino

Gli automezzi pronti a partire
  L’associazione volontari della Protezione civile di Torchiarolo, unitamente alla Polizia Locale, parte questa notte per consegnare al Comune di Tolentino in provincia di Macerata, gli aiuti, (vestiario, generi alimentari, anche senza glutine per celiaci e giocattoli), raccolti dai cittadini di Torchiarolo e San Pietro Vernotico e destinati alle popolazioni colpite dal terremoto.
  “L’amministrazione comunale di Torchiarolo ha voluto così rispondere alla richiesta di aiuto a mezzo social da concittadini residente per motivi di lavoro a Tolentino”- spiega il sindaco di Torchiarolo Nicola Serinelli-
   Gli aiuti saranno consegnati dal vice sindaco  Maurizio Nicolardi e dal comandantete la Polizia locale, Lorenzo Renna,  all’assessora delegata all’emergenza del Comune di Tolentino, dott.ssa Ilaria Luconi. 

Istanza pregiudiziale e richiesta rinvio dei lavori del Consiglio comunale. La maggioranza respinge ed approva l'ordine del giorno dei lavori

L'avv. Pasquale Rizzo
In sede di assise cittadine in corso questa sera,  29 novembre, convocata con un solo punto all’ordine del giorno dei lavori, ( riconoscimento di debiti fuori bilancio, sanciti da sentenza del Tribunale di Brindisi), il consigliere comunale avv. Pasquale Rizzo ha presentato a nome degli altri esponenti dell’opposizione un’istanza pregiudiziale e contestuale richiesta di sospensiva dei lavori indirizzata al presidente del consiglio comunale, al segretario generale, consiglieri comunali, e revisore dei Conti. Ciò ai sensi dell’art. 47 del regolamento del Consiglio Comunale, che l’avv. Rizzo ricorda come stabilisca che “tutti gli atti relativi agli argomenti iscritti all’ordine del giorno dei lavori assembleari debbano essere depositati presso la segreteria comunale il giorno stesso in cui viene diramato l’avviso di convocazione”.

Obbligo di indossare le divise a scuola, "possibile illecito amministrativo"

Scuola elementare  De Simone, sede della Direzione didattica
Non accennano a placarsi le polemiche con riferimento alla decisione del Consiglio d’Istituto del comprensivo De Simone di San Pietro Vernotico di obbligare gli scolari a indossare una divisa uguale per tutti. In qualità di genitore, l’avv. Pasquale Rizzo, già sindaco e consigliere comunale, che già nei giorni scorsi ha formalmente comunicato alla direzione scolastica come suo figlio non indosserà la divisa, ha richiesto copia della documentazione relativa alla procedura con la quale è stata selezionata la ditta fornitrice del vestiario. Che, dettaglio non trascurabile, deve essere acquistata dai genitori e obbligatoriamente indossata dagli scolari, previa sanzione disciplinare.

Oria, i carabinieri cercano la droga e trovano anche una Skorpion

La Skorpion rinvenuta
Nella sua cameretta aveva nascosto, avvolta nella biancheria, una Skorpion con matricola abrasa , completa di 2 caricatori e 19 cartucce calibro 9 x 19. I carabinieri la scoprono ed Emanuele Darimadea, 35 anni, di Oria, è arrestato per detenzione di arma clandestina, detenzione illegale di arma da guerra, munizionamento e ricettazione.
  Tutto ha inizio con una perquisizione domiciliare alla ricerca di sostanze stupefacenti. I carabinieri della stazione di Oria perquisiscono la cameretta del fratello di Emanule e vi trovano 3 grammi di cocaina. Mentre è in fase di completamento la perquisizione domiciliare rientra in casa Emanuele Darimadea, che alla vista dei carabinieri mostra evidenti segni di nervosismo. Troppo evidenti per non destare sospetti. E così i militari dell’Arma decidono di estendere la perquisizione anche alla sua stanza. Ed è a questo punto, che nascosta tra la biancheria salta fuori la micidiale Skorpion, mentre nel cassetto all’interno di un mobile vengono trovati altri 3 grammi di cocaina. Su disposizione dell’Autorità giudiziaria Darimadea è stato, pertanto, condotto in carcere a Brindisi. 
La sostanza stupefacente sequestrata
I carabinieri della Compagnia di Francavilla Fontana, inoltre, hanno eseguito un’ordinanza di arresto in sostituzione dei domiciliari, emessa dal Tribunale Ordinario di Brindisi nei confronti del 18enne Gabriele D’Angela, del posto, per furto aggravato commesso in data 2 luglio 2016.
Dopo le formalità di rito il giovane è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari. 
 Nella tarda serata di ieri i carabinieri della Compagnia di S. Vito dei Normanni, invece, hanno arrestato a Mesagne, Christian Costantini, 20 anni, del luogo. Il giovane dopo aver causato con la sua autovettura  un sinistro stradale nel centro abitato, ha aggredito prima verbalmente, poi anche fisicamente, i militari dell’Arma intervenuti per i rilievi. 
  Costantini è stato posto ai domiciliari nella sua abitazione a disposizione dell’Autorità giudiziaria. 


Nel Paese dei cedri i "cavalieri" accorrono per spegnere un incendio


Il Quarto Reggimento del “Genova Cavalleria” risponde tempestivamente alla richiesta di intervento del sindaco di Dair Qanun, un centro abitato nel sud del Libano, ed accorre per spegnere un vasto incendio, che già stava per lambire le prime abitazioni.
I militari italiani sono intervenuti in supporto alla Civil Defence con una squadra ed una cisterna d’acqua, decisiva per il contenimento e lo spegnimento dell’incendio. 
 Ha assistito alle operazioni di spegnimento il responsabile della Civil Defence per la provincia di Tiro, Ahmed Ghrouyeib, che unitamente al Sindaco, Moustafa Siklawi, ha poi manifestato gratitudine ai caschi blu di Unifil per lo sforzo e la tempestività dell’intervento.
  Complice il forte vento le fiamme  stavano rapidamente propagandosi vicino ad alcune abitazioni.
Italbatt, a guida reggimento “Genova Cavalleria”, è inquadrata nel settore ovest di Unifil attualmente affidato alla brigata di cavalleria  “Pozzuolo del Friuli” al suo quinto mandato nella terra dei cedri.

lunedì 28 novembre 2016

San Pietro, i sindacati al sindaco: "Sveglia, è ora che tu faccia il tuo lavoro"


  Grave atto d’accusa di "ignavia"nei confronti del sindaco e della giunta comunale di San Pietro da parte delle rappresentanze sindacali Cgil, Cisl e Uil, funzione pubblica. Che scrivono: “Sveglia, Sindaco, è il momento di fare quello, che elezioni amministrative hanno decretato, ovvero il tuo lavoro”.


Evacuato il personale civile dell'Onu a Tiro, ma solo per esercitazione

 Evacuato a Tiro, nel sud del Libano, il personale civile delle Nazioni Unite, ma solo per esercitazione. L’operazione di evacuazione  e messa in sicurezza del personale, denominata“Tiger”, è stata condotta dagli assetti operativi di Italbatt e della Sector Mobile Reserve, entrambi costituiti su base Reggimento “Genova Cavalleria”. L’attività è stata seguita dal “Force Commander” di Unifil, il generale irlandese Michael Beary, e dal comandante del contingente italiano, il  generale Ugo Cillo. Ed ha avuto come obiettivo quello di mantenere alto il livello di preparazione dei singoli contingenti in caso di reale evacuazione di personale civile Unifil. 
 Oltre al Genova Cavalleria il battaglione di manovra italiano è formato da assetti del 5° reggimento “Lancieri di Novara” e del 132° reggimento artiglieria “Ariete”.
Attualmente la missione Unifil nel Paese dei Cedri è a guida Brigata di cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, nella quale milita una significativa quota di saldati e soldatesse di origine salentina.

Caccia all'uomo nei dintorni di Francavilla Fontana

 E’ caccia all’uomo nella zona di Francavilla Fontana. I carabinieri sono alla ricerca dei malviventi, che nella tarda serata di domenica, hanno dato vita ad un lungo e spericolato inseguimento a bordo di un’auto rubata. Sono ricercati per resistenza, ricettazione e danneggiamento in concorso. 

Arrestato dalla Mobile per furto di energia elettrica

La Squadra Mobile di Brindisi ha notificato a Giacono Greco, 58 anni, del luogo, un ordine di arresto ai domiciliari emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Brindisi per furto aggravato di energia elettrica, commesso nel 2012.
  Greco deve scontare una pena di 4 mesi di reclusione.

domenica 27 novembre 2016

San Pietro, una determina dirigenziale destinata a far discutere

Una determina dirigenziale destinata a creare dubbi e polemiche. E’ quella a firma dell’architetto Cosimo Delle Donne, dirigente l’ufficio urbanistico, relativa al bando per la nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione. In altre parole il tecnico, che deve sovrintendere alla sicurezza sui luoghi di lavoro di pertinenza del Comune, ovvero la sede municipale, le scuole, le palestre e quant’altro. Una figura imprescindibile a norma di legge, tanto che la mancata nomina è punita con l’arresto o una consistente ammenda. 
Che cosa è accaduto. L’architetto Delle Donne con determina del 10 novembre recepisce le direttive emesse con delibera di giunta comunale il 21 ottobre scorso (20 giorni dopo) e stabilisce i criteri per la selezione e fissa alle ore 12 del 21 novembre il termine ultimo per presentare domanda . Ma quella determina non verrà mai pubblicata sul sito del Comune, “per carenza di personale”. 
  Proprio così. E’ quanto, infatti, si legge nella successiva determina datata 24 novembre, sempre a firma dell’architetto Delle Donne, che così proroga i termini dell’”avviso pubblico per la costituzione di un elenco di professionisti da invitare alla procedura negoziata per le funzioni di Rspp” dal 21 novembre al 12 dicembre prossimo.  
   Il caso è stato sollevato dall’ex sindaco e consigliere comunale di opposizione, l’avv. Pasquale Rizzo, che definisce “ridicola e pericolosa” la mancata pubblicazione sul sito istituzionale del Comune “per carenza di personale”. Rileva, infatti l’avv. Rizzo come prorpio in quei giorni (!4 e 15 novembre) sono stati pubblicati un documento attinente il referendum e l’ultimo avviso pubblico inerente il progetto “adotta un’aiuola”.
  “Un progetto, quello della manutenzione delle aiuole, –ironizza l’avv. Rizzo- a cui il sindaco, evidentemente, tiene molto di più della sicurezza sui posti di lavoro. Tutto quello che il primo cittadino ha fatto sinora è, infatti, piantare fichi d’india e mettere massi sulle aiuole di pertinenza dell’amministrazione provinciale, salvo poi essere costretto a rimuoverli”. 
  “Dalla delibera di consiglio comunale con le correzioni scritte a penna, alle feste estive, ma finanziate con sponsorizzazioni per le feste natalizie, San Pietro Vernotico ormai non fa altro che esportare ilarità e gioia”- conclude ironico l’avv. Rizzo-.

Tragico incidente ieri sera a Brindisi

Due giovani sono travolti in prossimità delle strisce pedonali, sulla via provinciale per San Vito, a Brindisi, da un’auto condotta da un 18enne. Lei Anna D’Amico, 25 anni è deceduta poco dopo essere stata soccorsa dal 118 in ospedale, al Perrino. Lui M.V. 32 anni, ha invece riportato ferite giudicate dai sanitari guaribili in 40 giorni. Non corre pericolo di vita.
  Ad investire la coppia è stata una Nissan Pixo condotta da un 18enne, M.A., che è ora accusato di omicidio stradale. Il tragico incidente si è verificato ieri sera poco dopo le 22. Lo ha rilevato la Polizia stradale, mentre per i soccorsi sono intervenute sul posto alcune aliquote del 118 ed i Vigili del Fuoco.   

sabato 26 novembre 2016

San Pietro, l''ex giunta cita in giudizio il Comune

Gli ex amministratori comunali (Pasquale Rizzo, Domenico Caputo, Sandro Saonaro, Marcello Bracciale, Giuliana Giannone, Orlado Nasta), hanno citato in giudizio il Comune di San Pietro Vernotico per ottenere le somme, circa 4 mila euro, che nel maggio dell’anno scorso avevano stornato con tanto di delibera dalle loro competenze di amministratori per aiutare economicamente, chi si era impegnato con la sistemazione del campo di calcetto presso la parrocchia di Don Bosco, e per acquistare le panchine per la chiesetta di S. Pio, in c.da Artisti, e le sedie per la Chiesa in Campo di Mare. 

Carabinieri indagano su un incidente mortale. Arresti e furti sventati

Perde il controllo dell’auto e presumibilmente sbalzato fuori dall’abitacolo viene travolto ed ucciso da un veicolo nel frattempo sopraggiunto sul luogo dell’incidente. E’ accaduto nella notte sulla strada statale 379, all’altezza dello svincolo “Brindisi Casale”. Francesco Montini, 40 anni, di Brindisi probabilmente a causa della forte pioggia ha perso il controllo della sua Bmw X3 ed è finito sul guardrail ed  è stato poi investito da un'altra macchina.

A Torchiarolo il No al referendum secondo l'on. Ciracì ed il consigliere regionale Romano


On. Nicola Ciracì
 Nell’aula consiliare di Torchiarolo saranno esposte questa sera, sabato, 26 novembre, a partire dalle 18 e 30, le ragioni del No al referendum costituzionale in programma il prossimo 4 dicembre. Sono previsti gli interventi dell’on. Nicola Ciracì dei Conservatori e Riformisti, e del consigliere regionale del Pd, Giuseppe  Romano.
 Il regista e attore prof. Maurizio Ciccolella leggerà l’Art. 70 della costituzione Italiana.
  Il programma della serata prevede i saluti del consigliere comunale Giampiero Orlando (Pd) e l’introduzione ai lavori del consigliere provinciale di Forza Italia avv. Sara Sardella.
Cons. regionale Giuseppe Romano


Torchiarolo una e mail in soccorso delle donne

 In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne il Comune di Torchiarolo ha attivato un indirizzo e mail al quale quelle in difficoltà potranno in maniera riservata fare riferimento per i loro problemi. Potranno scrivere a nonseisola@torchiarolo.gov.it con la certezza che questa e mail sarà esclusivamente aperta e letta dall’assistente sociale dott.ssa Maria Grazia De Rinaldis.
  L’iniziativa è stata resa nota nel corso di un incontro per la “Giornata contro la violenza sulle donne” ieri sera, 25 novembre, tenutosi nell’aula consiliare “Valesium” alla presenza di scolari, genitori e rappresentanti locali delle Forze dell’ordine.
  Nel corso della serata è stata presentata anche una panchina rossa destinata ad arricchire l’arredo urbano a testimonianza del problema che la nostra società è chiamata ad affrontare in tema di violenza sulle donne. 
 La dott.ssa Francesca Leuzzi, sociologa e specializzanda in criminologia presso l’Università di Forlì ha relazionato sul fenomeno antico della violenze sulle donne e le politiche sociali moderne per contrastarlo. 
  “Ci sono delle culture- ha spiegato- dove la violenza alle donne è parte integrante della vita quotidiana ed è, pertanto, vissuta come la normalità. Ed è quello che accade ad esempio nella cultura del mondo orientale dove la donna è privata di ogni diritto ed è totalmente sottomessa all’uomo.” 
  “Non solo violenza fisica, ma anche psicologica- ha quindi spiegato la dott. ssa Leuzzi-. Che ha poi aggiunto come i motivi per cui la donna tace sono tanti: la paura di raccontare la loro storia ad una persona estranea, di una eventuale rappresaglia, di un iter burocratico lungo per un possibile intervento esterno in suo aiuto. "Anche per questo - ha aggiunto-solo un terzo delle donne che subisce violenza denuncia". 
  “La spinta perché la condizione della donna cambi non è venuta dai tribunali, ma dai movimenti femminili- ha quindi aggiunto l’assistente sociale del Comune di Torchiarolo, dott.ssa De Rinaldis-. Che ha peraltro evidenziato come anche in una piccola comunità come quella di Torchiarolo vi sono situazioni della condizione femminile degne di essere considerate con attenzione particolare.Da qui anche l’iniziativa della e mail riservata alla quale potranno fare riferimento le donne del circondario.
  I lavori sono stati introdotti dalla prof.ssa Antonella Panico, assessore alla cultura, e dal sindaco Nicola Serinelli, che tra l’altro ha ammonito come “un padre non potrà mai avere il rispetto del figlio, se egli stesso non porta poi rispetto alla moglie”.
  Nel corso della serata sono intervenuti l’assessora ai servizi sociali, Anna Paola Greco, una folta rappresentanza di scolari della scuola media secondaria di primo grado, e Sara Marino, un’alunna della Manzoni di Cellino San Marco, che ha recitato un monologo.

Torchiarolo, controlli sul conferimento dei rifiuti

Attivati a Torchiarolo da parte del comando di Polizia locale, unitamente dal personale della ditta Universal Service Snc, e su richiesta dell’amministrazione comunale, controlli sulle modalità di conferimento dei rifiuti che i cittadini depositano in base al calendario in vigore da novembre. 
  I contravventori saranno inizialmente  diffidati, ma dal primo dicembre, con l’entrata in vigore della nuova ordinanza sulla metodologia della raccolta dei rifiuti urbani, scatteranno sanzioni amministrative.

venerdì 25 novembre 2016

Arrestato a 83 anni. Dovrà scontare più di 15 anni di reclusione

 A 83 anni viene arrestato per scontare un cumulo di pene complessivamente pari a 15 anni 6 mesi e 13 giorni.  L’ordine di carcerazione, emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi, è stato eseguito dai carabinieri di San Donaci, nei confronti di Salvatore Simone, classe 1933, del posto. L’ottuagenario dovrà scontare la pena provvisoriamente ai domiciliari per un cumulo di condanne collezionate per ricettazione. Reati che sono stati commessi a San Donaci e San Pancrazio Salentino.
 

Affiliato alla Scu si costituisce a Melfi. Gli altri arresti eseguiti dai carabinieri

Bruno Bemb
 Bruno Bembi, 54enne di Oria, affiliato alla Sacra Corona Unita, si è costituito presso la Casa Circondariale di Melfi, in provincia di Potenza. A suo carico c’era un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale  della Corte di Appello di Lecce relativo ad una pena residua da scontare di 7 mesi e 18 giorni per associazione di stampo mafioso.
  I carabinieri della stazione di Villa Castelli hanno eseguito, invece, un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Brindisi, nei confronti di Leonardo Santoro, 34 anni, del posto.
Leonardo Santoro
Il provvedimento è scaturito a conclusione di indagini, che evidenziano gravi indizi di colpevolezza in riferimento a ripetuti episodi estorsivi commessi a partire dal giugno dell’anno scorso nei confronti del genitore.
Gianluca Romano
Dopo le formalità di rito Santoro è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi.
 E provvedimento restrittivo hanno eseguito i carabinieri della stazione di Brindisi, i quali hanno applicato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Brindisi, nei confronti del 23enne Gianluca Romano, del posto, già agli arresti domiciliari. 
  Il giovane, responsabile di ripete violazioni delle prescrizione della misura cautelare a cui era sottoposto, è stato associato presso la casa circondariale di Brindisi.


"Insieme per Oria" promuove un corso di formazione politico amministrativa

Conoscere per amministrare ed essere cittadini consapevoli. Questo l’obiettivo che si prefigge il corso di formazione politico-amministrativa di primo livello organizzato dal Movimento “Insieme per Oria” in programma oggi pomeriggio e domani mattina, sabato, 26 novembre, nella sede di Via Isonzo 54.
 Il corso verterà sui principi di base sugli organi dirigenziali e atti amministrativi comunali, sui reati contro la pubblica amministrazione, sul marketing elettorale e sulla comunicazione politico-amministrativa. Gli argomenti saranno trattati da esperti nelle diverse materie.

giovedì 24 novembre 2016

Un 22enne arrestato per spaccio dalla Sezione Antidroga della Questura

Teodoro Carone
 Un 22enne, Teodoro Carone, di Brindisi è stato arrestato dagli agenti della Sezione Antidroga della Questura per spaccio di sostanze stupefacenti e su disposizione dell’Autorità giudiziaria posto ai domiciliari. In casa del giovane, al rione Paradiso, i poliziotti hanno rinvenuto 10 grammi di cocaina, suddivisa in dosi e già pronta per lo spaccio.
  In uno scantinato di pertinenza dell’abitazione, inoltre, gli agenti hanno inoltre rinvenuto 75 grammi di hashish e 60 di marjuana, oltre ad un involucro di cellophane contenente 10 grammi di sostanza da taglio.
Nel corso della perquisizione sono stati trovati e sequestrati, anche un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.

Identificati i minori che hanno pestato a sangue un coetaneo sul bus diretto a scuola

 Sono stati identificati dai carabinieri di San Pietro Vernotico i 4 minori responsabili delle lesioni provocate ad un coetaneo, che si era rifiutato di cedere il posto a sedere sul bus, martedì mattina, mentre era diretto a scuola, a Brindisi. I quattro si sono già presentati in caserma per fornire ai carabinieri la loro versione dei fatti. Sono tutti di San Pietro Vernotico. 

Rimesso in libertà per un cavillo giuridico, ritorna nuovamente in carcere

Cosimo Perrone
  La Giustizia gli aveva presentato il conto non più tardi di un paio di settimane fa ed era stato, pertanto, condotto in carcere. Cosimo Perrone, 33 anni, di Torchiarolo, grazie ad un cavillo, però, nei giorni scorsi era stato rimesso in libertà. La Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Lecce ha ora rimediato, rimettendo ordine nel dispositivo della sentenza e così Cosimo Perrone è stato nuovamente condotto in carcere.
 L’ordine di arresto è stato eseguito dai carabinieri della stazione di Torchiarolo. Dovrà scontare una pena di 7 anni, 10 mesi e 20 giorni di reclusione per reati connessi con lo spaccio di sostanze stupefacenti.

mercoledì 23 novembre 2016

Il No al referendum costituzionale spiegato nell'aula consiliare di San Pietro

Per domani, giovedi 24 Novembre alle 18, il meetup "Cittadini in Movimento" di San Pietro Vernotivo ha organizzato un pubblico incontro sulle ragioni del NO, al referendum costituzionale del 4 Dicembre. All’incontro, in programma nell’aula consiliare, parteciperà la consigliera regionale Antonella Laricchia.

Arrestato dalla Polizia un 26enne brindisino

Rintracciato ed arrestato dalla Squadra Mobile brindisina A.Z., 26 anni,  destinatario di un ordine di arresto emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brindisi. Il giovane, già condannato per il reato di tentata rapina commessa in concorso nel 2012 ed aggravata dall’uso delle armi, deve scontare un residuo di pena di 2 anni, 5 mesi e 23 giorni di reclusione.  
Dopo le formalità di rito, il 26enne brindisino è stato associato presso la Casa Circondariale di Brindisi.

Gli arresti dei carabinieri a Brindisi, Oria, Torre Santa Susanna e Francavilla Fontana

Giuseppe Antico
I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Brindisi hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il 21enne Giuseppe Antico, del posto.
Il giovane, già gli arresti domiciliari, durante un controllo, è stato trovato in possesso di 15 grammi di “cocaina” e 4 di “haschish”, il tutto già suddiviso in dosi, nonché vario materiale per il taglio ed il confezionamento della droga, compreso un bilancino di precisione.
  Dopo le formalità di rito Antico è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi.
   I carabinieri della stazione di Oria hanno, invece, arrestato in flagranza di reato il 20enne Antonio D’Amuri, del posto, per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.
Il giovane, sorvegliato speciale, con obbligo di soggiorno del Comune di residenza è stato sorpreso a Manduria, in provincia di Taranto, all’interno di un autolavaggio.
Su disposizione della competente Autorità Giudiziaria D’Amuri è stato posto nuovamente in regime di arresti domiciliari.
 I carabinieri della stazione di Torre Santa Susanna hanno eseguito un ordine di custodia cautelare ai domiciliari per riciclaggio, emesso dal Tribunale di Brindisi nei confronti di Aldo Vincenzo Berardini, 53 anni del posto.
Lo scorso 26 ottobre l’uomo è stato sorpreso dai militari dell’Arma mentre nella sua officina era intento ad alterare elementi identificativi di un furgone, che il mese prima era stato rubato a Lizzanello in provincia di Lecce. 
 Due, infine, gli arresti in flagranza di reato per concorso in furto aggravato eseguiti dai carabinieri a Francavilla Fontana. Tommaso Pulpo, 32 anni, e Roberto Calista, 27, sono stati sorpresi di notte a bordo di un’auto con a bordo alcoolici, profumi e prodotti per l’igiene, per un valore stimato intono ai mille euro.
  A seguito di accertamenti parte di quella merce è risultato come fosse stata trafugata nel pomeriggio da un esercizio commerciale a San Vito dei Normanni. Merce che è stata poi restituita al legittimo proprietario, mentre il restante materiale e l’autovettura sono stati sequestrati.
Tommaso Pulpo, inoltre, è stato denunciato per violazione del foglio di via obbligatorio cui era sottoposto.
Dopo le formalità di rito, Pulpo e Calista sono stati posti in regime dei domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

martedì 22 novembre 2016

Mesagne, pestato a sangue per un telefonino.L'aggressore denunciato dalla Polizia

  Un 30 enne di Mesagne, B.A., con precedenti di polizia per reati contro la persona, è stato denunciato a piede libero dagli agenti del Commissariato di Mesagne per aver procurato delle lesioni ad un giovane. L’aggressione è avvenuta in mattinata sulla centralissima piazza Orsini (nelle foto). Ed è stata tempestivamente segnalata da alcuni cittadini al Commissariato di Polizia. 


Nel sud del Libano i militari italiani a sostegno dell'infanzia


Il contingente italiano va a scuola. Per fornire stufe per il riscaldamento, giochi per i bambini ed una nuova pavimentazione nella scuola dell’infanzia di Rmeish, nel sud del Libano. Materiale donato dal Rotary Club di “Roma Campidoglio”, “Tripoli Cosmopolis” e Meth  ed affidato per la consegna ai militari italiani che nel Paese dei Cedri opera sotto l’egida dell’Onu.
  La direttrice dell’istituto scolastico ha ringraziato i militari italiani per l’attenzione, che dimostrano quotidianamente nei confronti della popolazione libanese ed in particolare dei bambini.
  Dall’inizio della missione sono più di 60 le attività svolte a favore delle municipalità dal contingente italiano, attualmente a guida Brigata di cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, al comando del generale Ugo Cillo.

Pene residue, tre arresti eseguiti dalla Squadra Mobile

La Squadra Mobile di Brindisi ha rintracciato ed assicurato alla Giustizia tre persone raggiunte a suo tempo da provvedimenti restrittivi: Damiano Torsello,59 anni, Antonio Sacco, 39, e Antonio D'Urso 46. 

Latiano, presunto ladro di auto bloccato dagli agenti del Commissariato di Mesagne

Fermo in auto, alla vista degli agenti della Polizia cerca di fuggire. Tutto inutile. Un 26enne residente al nord, ma di fatto domiciliato a Latiano, viene ugualmente raggiunto dagli agenti di una volante del Commissariato di Mesagne in attività di prevenzione reati e denunciato per ricettazione e ingiustificato possesso di arnesi atti allo scasso.

A San Pietro strade al buio e incroci pericolosi

 Strade al buio e incroci a raso pericolosi. A San Pietro Vernotico e dintorni la viabilità è sempre più simile ad un percorso di guerra. Alla tante volte “decantata” strada a rischio incidenti, la provinciale che porta a Campo di Mare, si è aggiunta negli ultimi tempi anche, e soprattutto, quella, che conduce a Torchiarolo. Da anni, ormai, l’arteria, di competenza dell’amministrazione provinciale, è interessata da lavori di ampliamento della carreggiata. Che neppure a dirlo proseguono a rilento. Molto a rilento. Tanto che quella, che prima era una striscia di asfalto più o meno regolare, ora è solo un interminabile percorso sconnesso e pieno di buche, senza che sia stata adottata neppure la necessaria messa in sicurezza del cantiere.